Semplicemente servi. Come la rosa. (13/11/12)

Dal Vangelo secondo Luca (17,7-10)

Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà quando rientra dal campo: Vieni subito e mettiti a tavola? Non gli dirà piuttosto: Preparami da mangiare, rimboccati la veste e servimi, finché io abbia mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai anche tu? Si riterrà obbligato verso il suo servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare».

Semplicemente servi o poveri servi, a seconda delle traduzioni.
Il Vangelo di oggi è come un epigrafe, non funeraria, ma da porre sulla nostra vita.
Come la rosa che spande profumo e non può fare altro che profumare.
Come la farfalla che vola leggera fin che dura il suo giorno.
Così noi, luce della gloria divina, non possiamo che servire al mondo il ‘peso’ – questa è la gloria – della Sua Presenza.
Senza vantarcene, tuttavia.
Come semplici servitori.

Buona giornata! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...